Venezuela, Parlamento europeo: non riconosciamo validità voto

Senza categoria

Mia Immagine

Tajani AGF

Il presidente Antonio Tajani: "violata la volontà del popolo e il diritto internazionale"

Il Parlamento europeo rifiuta di riconoscere i risultati delle elezioni dell’Assemblea costituente venezuelana e condanna Caracas per le numerose violazioni della Costituzione del Paese e del diritto internazionale. Ieri il Venezuela è andato alle urne per scegliere membri dell’Assemblea costituente, un nuovo organismo legislativo con il potere di modificare la Costituzione. In un clima da rivolta sociale in cui negli scontri con la Polizia sono state uccise già oltre 110 persone. “Come Presidente del Parlamento europeo, l’unica istituzione europea scelta direttamente dai cittadini europei, appoggio pienamente i rappresentanti del popolo venezuelano: non riconosciamo i risultati di queste elezioni. È chiaro che l’attuale regime è aggrappato al potere e che la volontà del popolo è cambiare questo stato di cose”, ha dichiarato il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani sottolineando come le azioni delle autorità venezuelane non siano una soluzione ai problemi del Paese.

Mia Immagine

“È un giorno triste per la democrazia in Venezuela, in America Latina e nel mondo, poiché i trattati internazionali e la Costituzione del Paese sono stati violati contro la volontà del popolo”, ha dichiarato Tajani. La portavoce della Commissione europea Mina Andreeva ha aggiunto che la Commissione aveva “seri dubbi sul fatto che i risultati delle elezioni fossero trasparenti”, aggiungendo che Bruxelles è preoccupata per la violenza e l’uso eccessivo della forza utilizzata dalle autorità venezuelane alle ultime elezioni. Secondo Andreeva, l’Alto rappresentante dell’Unione europea per gli affari esteri Federica Mogherini sta attualmente lavorando su una risposta comune a nome dell’Unione europea. Il presidente del Venezuela Nicolas Maduro ha convocato l’Assemblea Costituente per ripristinare la pace in un paese assediato, ma l’opposizione teme che il nuovo organo legislativo servirà solo a consolidare la presa del potere attuale. Secondo il Consiglio elettorale nazionale hanno votato il 41,5 per cento degli elettori, dato però contestato dall’opposizione.

The European Parliament has refused to recognize the results of the Venezuelan Constituent Assembly election, and condemned Caracas for numerous violations of the country’s constitution and international law, EU Parliament President’s press service said Monday. On Sunday, Venezuela held an election to select members of the Constituent Assembly, a new legislative body with the power to amend the constitution. The election was held amid mass protests across the country that have already resulted in over 110 deaths. “As President of the European Parliament, the only European institution directly elected by European citizens, I give my full support to the representatives of the Venezuelan people: the National Assembly. We will not recognize this election … It is very clear that the current regime is clinging to power. The will of the people is to change the regime,” EU Parliament President Antonio Tajani said, as quoted in the statement. Tajani stressed that the actions of the Venezuelan authorities were not a solution to the problems in the country. “It is a sad day for democracy in Venezuela, in Latin America and in the world as international treaties and the country’s own constitution are violated, most importantly, against the will of the people,” Tajani said. EU Commission spokeswoman Mina Andreeva added that the commission had “grave doubts as to whether the election results can be recognized,” adding that Brussels was preoccupied with the violence and excessive use of force used by the Venezuelan authorities at the latest election. According to Andreeva, EU High Representative for Foreign Affairs Federica Mogherini is currently working on a joint response on behalf of the European Union. Venezuela’s President Nicolas Maduro convened the Constituent Assembly to restore peace in a beleaguered country, but the opposition fears that a new legislative body will only serve to solidify the current government’s hold onto power. According to the National Electoral Council, the voter turnout was just over 41.5 percent. However, after publishing photos of empty polling stations throughout the day, the country’s opposition is now disputing the figure.

Mia Immagine