Asset allocation di luglio: la calma apparente

Senza categoria

Mia Immagine

Un’estate segnata da un Euro forte, Borse sui massimi, volatilità contenuta e bassi rischi sistemici: nel complesso sembra tutto abbastanza tranquillo; ma ne siamo proprio sicuri?


Entriamo nella fase centrale dell’estate, quella dei bassi volumi di mercato e delle ricorrenti paure di “cigni neri estivi”, con una situazione (apparentemente) tranquilla se si guardano fatti e numeri:

  • la Grecia è tornata sul mercato, emettendo un’obbligazione governativa a 5 anni, con una cedola del 4,75%;
  • la FED continuerà con il graduale rialzo dei tassi mentre l’amministrazione Trump si mostra sempre più confusa e poco convincente, proprio mentre l’economia statunitense decelera, contribuendo all’indebolimento del Dollaro USA;
  • la BCE prosegue con il quantitative easing, ancora necessario per rafforzare l’inflazione nella zona Euro;
  • la situazione delle banche italiane è almeno per ora tamponata (seppur in modo discutibile per i contribuenti italiani) e il rischio sistemico legato all’universo bancario è certo attenuato;
  • in Italia migliora la crescita economica secondo il FMI, che stima un tasso di crescita dell’economia all’1,3% (rispetto al precedente 0,8%), anche se preoccupano i dati sul reddito, fermi ai valori di circa 20 anni fa;
  • il Barometro del Rischio globale segnala una situazione di basso rischio sistemico;
  • la volatilità dei mercati è sui minimi storici (l’indice VIX nell’ultimo mese è sceso sotto il 9%, un valore di volatilità da obbligazione a lungo termine!);
  • le valutazioni Value-Momentum delle asset class (analizzate a prescindere dall’effetto valutario) non sono granché variate rispetto al mese scorso, con valori complessivamente un po’ “tirati” sia per le obbligazioni che per le azioni, ma con quest’ultime sempre più appetibili rispetto ai bond.

Nonostante un quadro nel complesso positivo, se guardiamo alle recenti performance degli asset rischiosi, molte sono invece negative. La ragione? L’apprezzamento dell’Euro rispetto alle principali divise, Dollaro USA in testa.

Mia Immagine

Per ridurre il rischio legato a un ulteriore apprezzamento dell’Euro occorrerebbe in buona misura ridurre asset denominati in altre divise, a favore di quelli in denominati in Euro, o utilizzare ETF a cambio coperto, ove disponibili. Ma, a questi livelli della moneta unica ciò significherebbe assumersi un consistente rischio di perdere il deprezzamento dell’Euro (cioè la mean reversion), esponendosi oltre misura al rischio Eurozona (o pagare eccessivi costi di copertura del cambio sulle divise dei Paesi Emergenti presenti nei portafogli). E il rischio-Eurozona è a nostro parere oggi un po’ sottovalutato: a settembre ci sarà il primo test acido per Macron, che dovrà fronteggiare i sindacati per far approvare la riforma sul lavoro e, soprattutto, c’è il rischio-Italia. Infatti, l’Italia va verso le elezioni con un Governo a maggioranza instabile che deve varare una legge di bilancio, in uno scenario futuro di tassi d’interesse in risalita, con conseguente impatto sulle prospettive del debito pubblico.

Poiché le fluttuazioni dei cambi sono pressoché imprevedibili nel breve termine e poco rilevanti per la performance total return di lungo termine, non ci pare il caso di variare l’asset allocation alleggerendo il peso delle divise straniere. Negli ultimi mesi abbiamo infatti già ridotto l’esposizione al Dollaro USA nei nostri portafogli, sicché riteniamo che le attuali proporzioni siano adeguate: in fondo, il Dollaro rimane una valuta difensiva nel medio-lungo termine, e pensiamo che vada tenuta in portafoglio.

Su questi livelli di valutazione delle Borse (care, ma non troppo) e dei bond (tassi d’interesse ancora bassissimi, ma a un punto di svolta per via delle politiche monetarie), una correzione di mercato significativa potrebbe avvenire a breve, innescata da un imprevedibile shock, oppure magari tra un anno, o due, oppure tre. Chissà. Una cosa per noi è chiara: il quadro numerico e fattuale non giustifica per ora una riduzione sensibile dei rischi, visto che i portafogli AdviseOnly sono già molto diversificati e strutturalmente equilibrati.

Come vanno i nostri portafogli?

Portafogli Obiettivo

Questi portafogli sono stati costruiti con uno scopo ben preciso: investire per i figli, per ottenere un reddito integrativo da un capitale disponibile, o per accumulare un capitale a lungo termine, per quando si sarà in pensione. Sono composti principalmente da ETF e puntano ai più solidi premi al rischio offerti dai mercati finanziari, ricercando gli attivi con il miglior rapporto tra valore e prezzo, in modo bilanciato e diversificando i rischi. Sono portafogli che non badano molto alla volatilità di breve periodo, perché mirano ad obiettivi più lontani nel tempo.

ptf_obiettivo_luglio
Clicca qui e prova a configurare il tuo portafoglio ad obiettivo!

Portafogli Tematici

Questi portafogli condividono la filosofia d’investimento a medio e lungo termine dei portafogli ad obiettivo, ma puntano su temi ben precisi (ad esempio i grandi trend della nostra società), oppure sono legati a un evento (ad esempio il destino dell’euro). Sono portafogli fedeli alla strategia d’investimento, che non si fanno condizionare troppo dalla volatilità di breve periodo e dal “rumore” dei mercati finanziari: badano al segnale, cioè a ciò che conta davvero.

ptf_tematici_1_luglio

ptf_tematici_2_luglio

Clicca qui e prova a configurare il tuo portafoglio tematico!

Portafogli Tattici

Questi sono portafogli dall’anima più “dinamica” rispetto agli altri. Investono prevalentemente in ETF e sono soggetti a revisioni e aggiornamenti periodici più frequenti, sulla base dei nostri indici di valutazione e del variare del rischio.

ptf_tattici_luglio

Clicca qui e prova a configurare il tuo portafoglio tattico!


Come si acquistano i Portafogli AO?

Accedere al mondo di AdviseOnly è semplice e può avvenire in due modi.

  1. Servizio Base: con soli 9€ (da pagare una sola volta) potrete acquistare uno dei nostri portafogli, aggiornato alla data dell’acquisto, da gestire in totale autonomia, utilizzando il servizio di negoziazione della vostra banca. Il nostro team vi avviserà nel momento in cui apporterà una modifica a quello specifico portafoglio, ma non vi sarà possibile vedere la modifica. Scopri di più!
  2. Servizio AO Tutor: abbonandovi al servizio AO Tutor a soli 49€ all’anno potrete invece scegliere uno dei nostri portafogli e gestirlo nel tempo con l’aiuto del nostro team. Infatti, ogni volta che sarà disponibile un aggiornamento, verrete avvisati via mail e il vostro portafoglio sarà sempre al passo con le condizioni di mercato. Inoltre, avrete un contatto diretto con il nostro team e l’accesso esclusivo agli approfondimenti riservati che pubblichiamo ogni settimana. Scopri di più!

I portafogli AO: il servizio di consulenza generica che ti semplifica la vita

Mia Immagine