Calabria: CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO FINO ALL’80% PER IL POTENZIAMENTO DI STRUTTURE PER USI SOCIO-EDUCATIVI E SOCIO-ASSISTENZIALI.

Senza categoria

Mia Immagine

Dalla Regione Calabria circa 9,3 milioni di euro per sostenere gli investimenti del privato sociale e del settore no profit destinati all’ampliamento o all’attivazione dei servizi di cura agli anziani non autosufficienti e a soggetti adulti con limitazioni nell’autonomia.

Da oggi infatti è in preinformazione sul portale regionale Calabria Europa, in attuazione dell’asse 9 “Inclusione Sociale” (Azione 9.3.5) del POR Calabria 2014-2020, l’avviso pubblico che intende agevolare la realizzazione di progetti di investimento per erogare servizi socioassistenziali e inclusivi.

Mia Immagine

SOGGETTI BENEFICIARI

Nello specifico i soggetti privati sono:

organizzazioni di volontariato e organizzazioni non lucrative di utilità sociale;
associazioni ed enti di promozione sociale;
cooperative sociali;
fondazioni senza scopo di lucro;
enti religiosi e altri soggetti privati non aventi scopo di lucro;
imprese sociali, ovvero tutte le organizzazioni private senza scopo di lucro, che esercitano in via stabile e principale una attività economica per la produzione o lo scambio di beni o servizi di utilità sociale, diretta a realizzare finalità di interesse generale.
Nello specifico i soggetti privati sono:

organizzazioni di volontariato e organizzazioni non lucrative di utilità sociale;
associazioni ed enti di promozione sociale;
cooperative sociali;
fondazioni senza scopo di lucro;
enti religiosi e altri soggetti privati non aventi scopo di lucro;
imprese sociali, ovvero tutte le organizzazioni private senza scopo di lucro, compresi gli enti di cui al libro V del codice civile, che esercitano in via stabile e principale una attività economica per la produzione o lo scambio di beni o servizi di utilità sociale, diretta a realizzare finalità di interesse generale.
TIPOLOGIA DI SPESE AMMISSIBILI

Gli interventi devono essere finalizzati a:
recupero e rifunzionalizzazione di immobili inutilizzati, adeguamento sismico, ampliamento, riqualificazione ed adeguamento agli standard normativi di settore di strutture adibite o da adibire a centri diurni o comunità alloggio
recupero e rifunzionalizzazione di immobili inutilizzati, adeguamento sismico ampliamento, riqualificazione ed adeguamento agli standard normativi di settore di strutture adibite o da adibire a centri per il “dopo di noi”
Sono ammesse le seguenti spese:
opere murarie connesse con il recupero e la rifunzionalizzazione di immobili, ampliamento, riqualificazione, adeguamento agli standard normativi di settore
impianti, macchinari e attrezzature strettamente connessi alla erogazione dei servizi
imposta di registro
spese relative a perizie tecniche
spese per garanzie fornite da una banca, da una società di assicurazione o da altri istituti finanziari
costi sostenuti per la certificazione ITACA
spese tecniche e di progettazione.
ENTITÀ E FORMA DELL’AGEVOLAZIONE

L’importo massimo dell’aiuto è pari a 80.000,00 € (ovvero fino all’80% dell’importo complessivo delle spese ammissibili).
SCADENZA

Le domande devono essere inviate mediante procedura telematica a partire dalle ore 12 del 60° giorno alle ore 24 del 90° giorno dalla pubblicazione del presente Avviso nel BURC (avvenuta il 28/07/2017).

Mia Immagine