Condivideresti su Facebook una tua foto nudo? Non farlo con tuo figlio!

Senza categoria

Mia Immagine

2 minuti (tempo di lettura)

Nell’era dei social, i genitori passano più tempo davanti allo schermo che di fronte al viso dei propri bambini. Le numerose foto di quel viso e non solo, però, le condividono sui social network: pedofilia o identità rubate, questi sono i rischi a cui inconsciamente sottopongono il proprio figlio.

privacy bambini fbChiappette in bella mostra e tettine al vento, spesso accompagnate dalla classica didascalia «L’ora del bagnetto», sembra un momento simpatico, un frammento di vita quotidiana da condividere con amici e parenti (e con il resto del mondo): potrebbe non esserlo. La maggior parte dei genitori, ormai da qualche anno, condivide più le foto dei figli che le proprie, senza rendersi conto del rischio a cui li sottopone. Stacey Steinberg, dell’University of Florida, ha recentemente pubblicato uno studio dal titolo Sharenting: Children’s Privacy in the Age of Social Media, in cui analizza passo passo i rischi e i piaceri del condividere fotografie, o a volte perfino ecografie in 3D, di piccoli esseri umani. Vediamo insieme i pro e i contro della privacy violata di un minore:

Mia Immagine

Pro

  • Salute
    Per quanto riguarda i casi più gravi, condividere sul mondo dei social network una situazione così delicata come una grave condizione di salute di un bambino può trasformarsi nella soluzione ideale per salvargli la vita, ad esempio trovandogli una trasfusione urgente o raccogliendo fondi per le operazioni.

  • Contatti
    Facebook è il modo più veloce e facile per mantenere i rapporti con amici e parenti sparsi in giro per il mondo, condividendo i traguardi e le foto dei piccoli sul proprio profilo, dando modo alle persone lontane di tenersi aggiornati sulle vite di chi gli sta a cuore.

«Non voglio assolutamente mettere a tacere le voci dei genitori. Ci sono molti benefici nella condivisione di informazioni e buoni motivi per condividerle. Ecco perché si tratta di un ambito così complesso» ha affermato Steinberg, il quale, però, invita a fare molta attenzione alle impostazioni della privacy: infatti, anche quando si è certi di condividere foto e stati solo con amici e parenti o all’interno di gruppi ristretti, gli algoritmi registrano tutto. Inoltre, nessuno assicura che coloro i quali possono accedervi siano altrettanto attenti a proteggere la propria privacy.

Contro

  • Pedofilia
    Il rischio è che le foto dei minori vengano salvate, modificate e caricate in siti per pedofili. Come è successo alla blogger con le foto dei propri figli nudi mentre tentavano di usare il vasino.

  • Identità social
    Pubblicando volti, parti del corpo, dati personali e successi dei propri figli si crea una loro identità sociale, lasciando una tracciabilità sul Web che permane per anni. E siamo proprio sicuri che i neonati di oggi, a 20 anni saranno felici di sapere che su Google gira una propria foto senza pantaloni?

privacy bambini fbLe soluzioni proposte da Steinberg sono: l’introduzione della legge sul diritto all’oblio in molti altri Paesi nel mondo, ma soprattutto lasciare ai bambini, dai 4 anni in su, il diritto di decidere, chiedendogli il permesso prima di pubblicare sul Web qualunque cosa li riguardi. La regola d’oro rimane in qualunque caso una: «Non condividete su Internet nulla che non mostrereste in pubblico».

Chiara Forcisi

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Articoli di proprietà di Voci di Città, rilasciati sotto licenza Creative Commons.
Sei libero di ridistribuirli e riprodurli, citando la fonte.

The post Condivideresti su Facebook una tua foto nudo? Non farlo con tuo figlio! appeared first on Voci di Città.

Mia Immagine