“Touchable”: al Museo dell’Opera di Firenze il percorso per non vedenti

Senza categoria

Mia Immagine

1 minuto (tempo di lettura)

Touchable è il nuovo progetto inaugurato dal Museo dell’Opera del Duomo di Firenze e consiste in un particolare percorso emozionale aperto a tutti, ma in particolare a non vedenti e ipovedenti. Il progetto vede la collaborazione con l’Unione Italiana Cechi ed Ipovedenti della provincia di Firenze e la supervisione del Prof. Antonio Quatraro. Fin dalla riapertura del museo avvenuta nell’ottobre del 2015, l’idea era quella di realizzare un percorso che potesse determinare una particolare empatia ed emozione con le opere d’arte – scuoltoree in questo caso – in grado di mettere in luce l’abilità di sentire l’arte. La disabilità diventa il punto di partenza per una riflessione estremamente originale sui sensi dell’uomo, attraverso un’amplificazione sensoriale che imposta l’arte sotto i riflettori di un’analisi del tutto innovativa.

TouchableAntonio Quatraro e Timothy Verdon, direttore del Museo dell’Opera, hanno predisposto la creazione di repliche delle opere più importanti, in particolare: la riproduzione in bronzo di due formelle della Porta Nord e Est del Battistero, l’Annunciazione e la Creazione e il Peccato originale di Lorenzo Ghiberti; la replica in resina effetto marmo della Madonna dagli occhi di vetro di Arnolfo di Cambio e della Pietà di Michelangelo; la replica in resina effetto legno de la Madonna Penitente di Donatello; le repliche in marmo della formella della scultura dal Campanile di Giotto e dei Suonatori di tromba dalla Cantoria di Luca della Robbia; infine la realizzazione del pannello tattile del disegno della facciata ottocentesca della Cattedrale.

Mia Immagine

Affinché il percorso sia efficace sotto ogni aspetto, è stato istituito anche un team di apposite guide per non vedenti e ipovedenti così da svolgere percorsi tematici che approfondiscano anche il contesto storico-artistico delle opere che si ha la possibilità di “toccare” nel corso della visita. Questi tour si svolgono ogni primo giovedì del mese, hanno una durata di un’ora e mezza e in base alle tipologia di visitatore variano gli argomenti, i luoghi e le opere. Il progetto prevede 5 percorsi che sono Elementi scultorei rappresentativi del complesso monumentale, Elementi architettonici rappresentativi del complesso monumentale, Dal Tardo Gotico al Primo Rinascimento attraverso la scultura a tutto tondo de Il grande Museo del Duomo, Dal Tardo Gotico al Primo Rinascimento attraverso il bassorilievo, Come appariva Piazza del Duomo ai fiorentini poco prima della demolizione della facciata nel 1587. Ai normo vedenti è data la possibilità di vivere il percorso “al buio”, con la fruizione di una benda offerta dal Museo, così da essere totalmente inseriti in questo alternativo modo di percepire le opere d’arte.

Giulia Sorrentino

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Articoli di proprietà di Voci di Città, rilasciati sotto licenza Creative Commons.
Sei libero di ridistribuirli e riprodurli, citando la fonte.

The post “Touchable”: al Museo dell’Opera di Firenze il percorso per non vedenti appeared first on Voci di Città.

Mia Immagine