Siria, sei anni di guerra… dopo l’incubo, i sogni o la realtà? (1)

Senza categoria

Mia Immagine


Vogliamo proporvi l’intervento dell’ ex ambasciatore Michel Raimbaud al convegno organizzato da “Chrétiens d’Orient pour la paix” il 27 giugno 2017 : egli vi dipinge il risultato terrificante di questa guerra che dura dall’inizio del 2011. 
Ci pare che l’autorevole diplomatico francese colga l’orizzonte globale in cui si colloca il conflitto e ne illustri senza infingimenti dinamiche e responsabilità. 
Qui la prima parte del testo da noi tradotto dal francese, il seguito domani. 
Grazie per la vostra attenzione
   Gb. P.
I / Un conflitto universale
Un brutto giorno del mese di marzo del 2011, fu dato il “calcio d’inizio” a questa interminabile guerra siriana che oggi è l’oggetto delle nostre riflessioni. Chi avrebbe potuto immaginare che questa guerra si sarebbe installata nella pubblica opinione con l’etichetta della cosiddetta “guerra dimenticata” tra un movimento popolare “democratico e pacifico” e un “regime massacratore”, una buona causa da difendere da parte delle élites (di destra o di sinistra) che da vent’anni hanno cementato un comune consenso attorno a tutte le certezze morbide ereditate da un “neoconservatorismo” all’americana. L’adesione, spontanea o calcolata, ai “valori” veicolati da questo consenso, firmando la loro fedeltà (o la loro appartenenza) allo “Stato profondo”, dà loro il diritto (ma dovremmo dire il privilegio) di parlare dalle antenne, dagli schermi e nei notiziari.
E’ grazie a questa fede ideologica sommaria che il nostro mainstream si polarizza rapidamente sull’urgenza di “abbattere Bashar” e rovesciare “il regime siriano” adoperandosi (con un certo successo) per far condividere questa ossessione ad ampi settori della popolazione.
Nel paesaggio audiovisivo, intellettuale e politico, nascerà come per incanto un fronte compatto e senza remore che contribuirà a rendere irrilevanti i dissidenti dalla narrazione ufficiale. Il conflitto siriano sarà catalogato immediatamente come un episodio delle “primavere arabe”, in linea con quelle di Tunisi, dell’Egitto, dello Yemen, della Libia, e una volta per tutte si decreterà che uno scenario come quello libico è ineluttabile anche per la Siria.
Un tempo si credeva che il lavaggio del cervello fosse appannaggio dei regimi totalitari: adesso, il conflitto in Siria, come prima la Libia, ha dato alle “grandi democrazie”, compresa la nostra, l’opportunità di mostrare le proprie competenze in materia. Oscurando totalmente la condanna a morte di un popolo abbarbicato alla sovranità, all’integrità e all’indipendenza del proprio Paese, tacendo sulle distruzioni di massa, falsificando la realtà, è la resistenza stoica del popolo siriano che viene deliberatamente ignorata, l’immagine eroica di un esercito nazionale che sarà sfigurata: la negazione e il colpevole silenzio amplificano di molto ogni sofferenza.
Bisogna ben dirlo: l’impegno a deporre Bachar al Assad (che “non merita di essere sulla terra”, ma sarebbe meglio “un metro sotto terra”), la volontà di distruggere (Bashar forse non sarà deposto, ma avremo distrutto la sua Siria, come osò dire di recente un avversario democratico “moderato”) e la volontà di uccidere (siamo pronti a sacrificare i due terzi del popolo siriano, al fine di salvare l’ultimo terzo) non hanno poi scioccato un granché molte persone di questa parte del mondo durante questi anni di devastazione della legalità e della moralità internazionale. Malgrado le contraddizioni, le prove, le rivelazioni, le testimonianze, ci sono ancora dei fanatici o degli ingenui senza speranza, che ostinatamente difendono la tesi che la guerra in Siria sarebbe niente più che la lotta di un popolo in rivolta contro un regime oppressivo. Un episodio della “primavera araba” che è andato storto, ma non è detta l’ultima parola…
Tuttavia, quando è troppo è troppo. I ranghi dei fochisti e dei carbonai della ” rivoluzione” alla fine saranno chiari. Quando si ha il naso immerso nelle rovine del caos creatore, se non si hanno gli occhi colmi di spavento davanti alla ferocia e la coscienza rivoltata di fronte alla gestione della barbarie jihadista, significa che si è scelto di chiudere gli occhi. Bisogna essere ciechi ed accontentarsi di analisi preconfezionate o di idee ricevute per non vedere nella tragedia siriana altro che un evento banalizzato dentro la sequenza epidemica di “primavere arabe” sparse. Bisogna avere un cervello scadente o particolarmente sempliciotto per negare per principio di inserire questa tragedia nel SUO VERO CONTESTO, che evidentemente si riferisce alle crisi ed alle guerre degli ultimi decenni. È quello di un’impresa geopolitica e geostrategica globale di destabilizzazione e di distruzione, ispirata, pianificata, annunciata e condotta dall’Impero sotto direzione américano-israeliana, utilizzando sistematicamente dei regimi asserviti e dei complici di circostanza (islamisti nella fattispecie) la cui agenda, per differente che sia, è compatibile nel breve e medio termine con quella dei padroni atlantici.
Visto attraverso la lente dei neo-cons che lo ispirano ormai dall’ultimo quarto di secolo, l’Occidente (l’America, Israele ed alleati europei) mira come sua vocazione a competere con l’Eurasia russo-cinese la padronanza del pianeta, e la decostruzione del mondo arabo musulmano che separa questi due insiemi è una condizione imposta dalla geopolitica. Per le forze islamiste radicali, la decomposizione degli Stati di questa “cintura verde musulmana” in entità su base etnica o confessionale è il prerequisito per la creazione di una poltiglia di Emirati, tappe incerte verso la rifondazione di uno Stato islamico basato sulla Sharia (legge coranica) o il ripristino del Califfato, un secolo dopo la sua abolizione. Per motivi storici, culturali, religiosi, politici e geopolitici, la Siria è il centro e l’epicentro di questo confronto il cui esito sarà cruciale per l’istituzione del futuro ordine mondiale in divenire.
In ogni caso, è difficile negare che le guerre di Siria (o le guerre in Siria) sono degenerate in un conflitto universale tra due campi, uno che ha dimostrato la sua forza e il secondo che si trova in completa disarticolazione:
– il campo della Siria legale e i suoi alleati (Iran, Hezbollah, Russia e Cina, e per estensione i paesi BRICS), ma anche di paesi come l’Algeria e sempre di più l’Iraq, le sue forze armate, Hachd al Chaabi (raggruppamento popolare), lo Yemen “legale” del Presidente Ali Abdallah Saleh e altre forze resistenti all’egemonia.
– Il campo avversario: regimi islamici (Turchia, Arabia Saudita, Qatar ed Emirati del Golfo Persico), i terroristi e jihadisti nonché gruppi di miliziani, finanziati, armati, supportati da Israele e, purtroppo, dagli occidentali. Tutti questi avversari della Siria”legale” si consulteranno regolarmente come parte del gruppo “amici della Siria”.

Questo scontro universale, che ha conosciuto in più di sei anni numerosi sviluppi, si può riassumere (ho provato a farne una descrizione nel mio libro “Tempesta sul grande Medio Oriente” pubblicato nel febbraio 2015, e poi a febbraio 2017) in una buona dozzina di conflitti uno più spetato dell’altro, mescolando l’odore di santità con l’odore del gas, le illuminazioni messianiste e le ambizioni strategiche, i riferimenti ai valori morali e i valori dei mercato, la guerra santa a sfondo religioso e la lotta profana per il potere politico.
1/ Sulla questione siriana propriamente detta:
1/ E’ inizialmente una guerra per il potere, condotta dalla cosiddetta opposizione “democratica e pacifica” contro l’oppressione di un “regime assassino”
2/ Questa lotta interna diverrà rapidamente militare, trasformata dalla penna degli analisti in una “guerra civile”, che non lo è affatto in quanto viene importata …
3/ Infatti, il conflitto sarà internazionalizzato dall’intervento massiccio dei regimi sunniti radicali e di combattenti stranieri a fianco dell’opposizione (pesantemente) armata, poi per l’ingerenza ed il sostegno aperto degli Occidentali, diventando chiaramente una guerra di aggressione, che è crimine internazionale per eccellenza, secondo il Tribunale di Norimberga.
4/ Questa guerra costituirà di fatto un politicidio (che è contro un Stato ciò che l’omicidio è contro un essere umano) mirando a provocare l’implosione dello Stato-nazione siriano in mini-entità a base confessionale o etnica, conformemente ai piani israelo-americani. È l’obiettivo del Protocollo di Doha adottato sotto l’egida del Qatar nel novembre 2012 dalla Coalizione Nazionale siriana delle Forze dell’opposizione e della Rivoluzione.
2/ Sotto l’aspetto religioso:
5/ E’ una guerra in nome dell’islam contro un “regime empio”, sotto la bandiera della Jihad, “gestita con la ferocia e la barbarie”, che è la strategia ufficiale dello Stato Islamico (Da’ech).
6/ riciclata come guerra santa dagli islamisti, la guerra di aggressione, quindi, verrà ben presto ridefinita dalla comunità internazionale come una guerra terroristica.
7/ E quindi genererà una ripresa della guerra globale contro il tal terrorismo, considerato (almeno a parole) come il nemico numero uno di tutti i paesi, una guerra destinata a servire come una foglia di fico per la guerra di aggressione contro la Siria.
8/ Un attacco dei radicali sunniti wahabiti (e simili) contro “l’asse sciita” che va da Teheran fino al Libano attraverso la Siria e l’Iraq, presentato dai wahhabiti e dei loro alleati come componente della lotta anti-terrorismo.
9/ Un’accanita guerra tra i due campi del radicalismo sunnita (Turchia e Qatar contro Arabia Saudita, Fratelli Musulmani contro wahabiti) per la gestione dell’Islam sunnita e dell’Islam.
3/ Dal punto di vista geopolitico :
10/ Una guerra per procura (proxi-war) tra l’Eurasia e l’Occidente atlantista
11/ Una guerra per l’energia, nella fattispecie per il gas
12/ Una guerra per l’interesse superiore di Israele, onnipresente nelle preoccupazioni americane e occidentali
13/ A coronamento di tutto, un risiko planetario giocato sulla “grande scacchiera” che ha come obiettivo il controllo del “Grande Medio Oriente” riaggiornato, la leadership nel mondo.
Il tributo di vite umane, il costo materiale e finanziario delle sole guerre siriane è terrificante, come il bilancio generale della “democratizzazione del Grande Medio Oriente” che dobbiamo a George W. Bush e ai suoi scagnozzi.
II/ Per legittima difesa, la Siria sta facendo valorosamente fronte alla guerra di aggressione
1/ La legittimità dello Stato siriano.
Membro delle Nazioni Unite, la Siria è uno stato indipendente e sovrano. Il suo regime è repubblicano in stile laico. Parlando di “regime siriano” per descrivere il suo governo, ovviamente si cerca di delegittimarlo, a dispetto di un principio generalmente dimenticato: mentre noi volentieri ricordiamo il diritto dei popoli all’autodeterminazione, spesso ci dimentichiamo del diritto degli Stati di decidere il loro sistema politico, senza alcuna interferenza straniera.
Secondo il diritto internazionale, il governo detiene il monopolio dell’uso legale della forza: questo deve essere ricordato a tutti coloro che sognavano di distruggere uno Stato recalcitrante, a coloro che volevano “ucciderlo politicamente”, perché ha resistito ai loro obiettivi neocoloniali.
L’Esercito Arabo Siriano non è “l’esercito del regime alawita”, ma un esercito nazionale di coscritti con chiamata alle armi. Esso ha il diritto assoluto di riconquistare o liberare qualsiasi parte del proprio territorio senza chiedere il permesso a nessuno. Ripristinando la sovranità dello Stato sul suolo nazionale, non fa altro che consentire allo Stato, di cui esso è uno degli organi legali, di esercitare il suo diritto di controllo del territorio. Non fa che affermare il diritto della Siria a preservare la sua sovranità, la sua integrità, la sua indipendenza.
Da oltre sei anni, un paese che non ha aggredito nessuno deve resistere a una guerra di aggressione che coinvolge in un modo o nell’altro (abitanti, militari, governi …) più di cento membri delle Nazioni Unite, scontrandosi inoltre con un apparato internazionale e un’ONU tutt’altro che neutrale. La resistenza del “regime siriano” e dei suoi alleati ha comunque bloccato l’impresa della compagnia dei “neocon” e dei takfiristi, tanto che anche i suoi detrattori e nemici ammettono ormai (come l’ex ambasciatore americano a Damasco Robert Ford) che la Siria ha potenzialmente vinto.

   prima parte….   Testo in francese:  
http://arretsurinfo.ch/syrie-six-ans-de-guerre-apres-le-cauchemar-les-reves-ou-la-realite/

Mia Immagine

Mia Immagine