Bebè al sole? No, meglio all’ombra

Senza categoria

Mia Immagine

Finché il bambino è tanto piccolo le regole da seguire durante le uscite sono essenzialmente due. Ecco le raccomandazioni di  Guglielmo Salvatori, dirigente medico di 1° livello e titolare di Alta Specialità in Nutrizione Neonatale presso l’ospedale Bambino Gesù di Roma.

Poche regole, ma fondamentali

“La prima misura riflette i tempi della natura”, dice l’esperto.“Non esporlo al sole diretto finché non comincia a camminare o correre e, quindi, diventa in grado di andare da solo in luoghi soleggiati (e anche allora bisognerà sorvegliarlo e proteggerlo). La seconda è che, mentre subito dopo l’alba e al tramonto i rischi sono contenuti, occorre fare particolare attenzione agli orari in cui i raggi del sole sono più pericolosi, quando cioè sono diretti  perpendicolarmente, dalle ore 11 alle 17”.

Mia Immagine

Ma il sole non fa anche bene? “Certo, ad esempio favorisce la produzione di vitamina D e ha effetti terapeutici in caso di dermatite atopica”, risponde il neonatologo, “ma prima dei 12 mesi di età non vi è comunque alcuna necessità di esporre il piccolo ai raggi solari. La sua pelle, oltre a essere estremamente delicata, ha ancora una capacità ridotta di produrre melanina e corre un rischio maggiore di ustionarsi”.

Dermatite atopicaUn aiuto dal sole

Quali altri accorgimenti adottare?

“Coprire bene il piccolo, usando magliette di cotone e cappellini con visiera. È inoltre opportuno ricorrere a una protezione con ‘creme riflettenti solari’ ad alto effetto schermante, dai 30 ai 50 SPF: occorre assolutamente evitare le scottature, non solo per proteggere la sua pelle, particolarmente sensibile, ma anche perché è dimostrato che chi ha subìto ustioni da piccolo corre un maggior rischio di patologie tumorali della pelle da adulto. Va ricordato che i raggi ultravioletti possono provocare scottature anche passando attraverso le nuvole e che stare sotto una tenda o un ombrellone non mette completamente al riparo: il filtro solare va dunque applicato anche in questi casi”.

di Elisabetta Zamberlan

Mia Immagine