SE LO DICE ANONYMUS, CI DOBBIAMO CREDERE A E.T.?

Senza categoria

Mia Immagine

DI UMBERTO SAMMARINI
Tutti i fans di X Files, sono a conoscenza che in una sperduta e ignota regione, del deserto americano, esiste la mitica Area 51. Cosa c’è nell’area 51? Roba forte, la prova che gli extraterrestri esistono e, ogni tanto, ci fanno pure visita più o meno in incognito. Si mormora che in quel luogo, bramato dagli ufologi di tutto il mondo, giaccia da decenni il cadavere di un alieno che non accenna neanche lontanamente alla decomposizione. Che aspetto avrà mai? Basta guardarsi ” Incontri ravvicinati del terzo tipo ” e, un altro paio di Spielberghiane pellicole, per appagare la vostra curiositã, l’extraterrestre dei film è identico a quello conservata nell’area 51. Sembra che qualcuno lo abbia fotografato di nascosto, sprezzante del pericolo. Ci sono anche resti di astronavi, qui la curiosità è minima, anche se tecnologicamente evoluti gli E. T. non hanno un briciolo di fantasia, lo sappiamo tutti che arrivano su una specie di piatto rovesciato che si chiama disco volante.
Un marchio di fabbrica, come se i rapinatori di banche circolassero su una Ritmo arancione. Ma, cosa vengono a fare gli omini con il capoccione alla Renzi, e perché non si mostrano? Il 15 ottobre del 57, tale Antonio Villas Boas, avvista per due volte oggetti volanti nel cielo di S. Francesco di Sales, in Brasile. La seconda volta l’oggetto atterra, scendono degli stortignaccoli di alieni in tuta argentata, lo agguantano e lo portano all’interno dell’astronave, viene spogliato, lavato e gettato dentro una stanza con tanto di letto. Arriva una sgnaccherona di extraterrestre e i due trombano.
Prima di lasciare solo il giovanotto, la sgnaccherona indica le stelle, come per dire ” Lassù nascerà il frutto del nostro amore ” Hai capito, gli E. T.? Questa strana forma di rimorchiamento ai fini di ottenere una razza ibrida, c’ha pure un nome: esogamia. Insomma, come avrete capito, di storie del genere ne circolano a centinaia, praticamente tutte uguali, negli anni sessanta, a Roma, un uomo è stato rapito mentre cenava sul terrazzo, a parte lui, in seguito dolcemente violentato, nessuno dei passanti ha visto accecanti luci argentate o altro.
Nel Nevada, alieni sessualmente confusi, sono atterrati nei pressi di una fattoria, dopo aver violentato il rurale gli hanno fregato pure due mucche. Ci sono stati casi rarissimi, di alieni che giocavano nelle squadre di basket, pennelloni alti due metri e mezzo, fenomeni da baraccone dell’universo. Nel 2011, tale Matteo, guardia giurata a Monza, entra ripetutamente in contatto con gli alieni, uno della razza dei ” grigi ” quelli col capoccione più grosso, scende a terra, Matteo si spaventa e gli spara, il ” grigio ” zompa sul tetto di casa, zona camera da letto, sosta un po e sparisce. Niente trombata? No, però la moglie che sembrava sterile, ci resta secca e partorisce un bel frugolo biondo.
Nel 2015, il Canada si rivela luogo turistico particolarmente gradito agli E.T. con 1.267 avvistamenti e molti incontri ravvicinati, onnipresenti i ” grigi ” con un unico infiltrato, alto, con la pelle blu e i capelli ossigenati. Chi cazzo sarà? Difficile stabilire se ci siano state trombate, tutti i soggetti hanno un vuoto di memoria di due ore.
Chiudiamo con la storia di Franco Chendi, ufologo argentano, qui la cosa ê più complicata. Il poveraccio, dalla tenera età di otto anni, viene periodicamente rapito e poi riportato a casa. Tre giorni prima del prelievo coatto, i ” grigi ” lo avvertono con strani segnali ultrasonici, il Chendi prepara lo spazzolino da denti e si rassegna al suo destino. Ultima gita interstellare a maggio di quest’anno.
L’ufologo non ha mai rivelato cosa gli facciano gli E. T. In compenso, grazie a queste villeggiatura forzose è diventato immune a qualunque virus, malattia o stronzatelle varie, un vero smacco per l’ OMS. Trovo, onestamente, molto bizzarre queste storie, vediamo se Anonymus ci stupirà con effetti speciali.

Archiviato in:ATTUALITA’, DI UMBERTO SAMMARINI Tagged: UMBERTO SAMMARINI

Mia Immagine

Mia Immagine

testo