Rapporto: l’ANP impedisce ai malati di Gaza di uscire dal territorio per cure mediche

Senza categoria

Mia Immagine

Betlemme-Ma’an. Mentre la situazione umanitaria nella Striscia di Gaza assediata continua a far crescere allarmi, lunedì 26 sono emersi rapporti secondo cui l’Autorità Palestinese in Cisgiordania ha impedito ai Palestinesi dell’enclave costiera di lasciare il territorio per cure mediche.
I Palestinesi a Gaza hanno fornito testimonianze al quotidiano israeliano Haaretz che riferisce “ritardi inspiegabili” nel ricevere i permessi dall’ANP per cure mediche in Israele, Giordania e Cisgiordania.
I rapporti sono giunti quando i pazienti di Gaza sono stati costretti a chiedere il rilascio di permessi per uscire dal territorio per cure a causa della mancanza di farmaci  e attrezzature dopo che l’ANP ha tagliato i finanziamenti per il settore medico nell’enclave assediata.
I dati forniti a Haaretz da “Medici per i Diritti Umani – Israele (PHRI) si sono aggiunti alle affermazioni secondo cui l’ANP ha interrotto la sua assistenza ai malati di Gaza. Secondo i dati, l’ANP ha ritardato e ridotto drasticamente il rilascio di voucher di pagamento a più di 1.600 Palestinesi di Gaza che necessitano di cure mediche, alcuni dei quali devono uscire dal territorio per essere curati.

Più del 90 per cento dei pazienti di Gaza che hanno richiesto tali buoni durante il mese scorso non ha ricevuto risposta dall’ANP, e  solamente 10 delle 120 richieste giornaliere presentate all’ANP sono state approvate.

Mia Immagine

Riduzione dei voucher.

Haaretz ha sottolineato che il numero rappresenta una riduzione drastica nel rilascio dei voucher da parte dell’ANP ai malati di Gaza. Nel mese di aprile, il numero di voucher emessi è sceso sotto i 2.000, mentre il 2016 ha visto una media di 2.041 buoni rilasciati ogni mese. Nel mese di maggio, il numero di voucher rilasciati è sceso a poche decine.
Tuttavia, il ministero della Salute palestinese ha negato le accuse, secondo Haaretz.
Le recenti politiche dell’ANP hanno aggravato la situazione a Gaza, andando ad aggiungersi all’assedio israeliano di dieci anni, hanno  creato una crisi umanitaria nel territorio, e alcuni dei più colpiti sono i malati.
Haaretz ha riferito che una recente delegazione del PHRI nella Striscia di Gaza ha scoperto che una carenza di Fentanyl, un farmaco anestetico, rischiava di far chiudere tutte le sale operatorie negli ospedali pubblici di Gaza e che la causa della scarsità è dovuta al rifiuto dell’ANP di portare il farmaco dalla Cisgiordania.
Nel mese di maggio sono emerse relazioni secondo cui i farmaci salva vita non venivano consegnati dall’ANP a Gaza.
Il Direttore Generale del ministero della Salute di Gaza, Munir al-Bursh, dichiarò lo scorso mese che questo farmaco non era stato spedito dall’ANP da tre mesi e aggiunse che a maggio, a Gaza, erano completamente terminati 17 tipi di farmaci contro il cancro.
Al-Bursh spiegò che più del 90 per cento dei farmaci contro il cancro non sono più disponibili a Gaza, aggiungendo che si rischia di costringere il ministero a trasferire i pazienti affetti da tumore in ospedali all’estero o a ottenere i farmaci al di fuori del territorio palestinese, e che tutti richiedono permessi israeliani difficili da ottenere.
Haaretz ha riferito nel mese di aprile che l’ANP era intenzionata a ridurre il bilancio sanitario di Gaza come “punizione” per il governo di Hamas “che rifiuta le iniziative del presidente palestinese Mahmoud Abbas e di ripristinare il controllo dell’ANP nella Striscia”.

Pare che dirigenti vicini a Abbas abbiano detto a Haaretz che l’ANP “pagherà solo gli stipendi del personale medico, non per la gestione in corso del sistema sanitario”.
Si prevede inoltre che il finanziamento dell’ANP per il sistema educativo di Gaza ne sarà influenzato.

“Ci rendiamo conto che questo suona crudele, ma alla fine, dopo 10 anni di divisione e il governo di Hamas nella Striscia, (Hamas) deve decidere se controllerà le cose in tutti i sensi, comprese le spese in corso o lascerà che il governo all’ANP”, sembra abbia riferito un consigliere decano di Abbas a Haaretz.

Il ministero della Salute  dell’ANP ha negato i rapporti.
Ciononostante, il PHRI ha affermato all’inizio di questo mese che Gaza stava  affrontando la peggior crisi di farmaci da anni a causa dei tagli di bilancio dell’ANP, e che le principali vittime della crisi sono i malati di fibrosi cistica, i malati di tumore e neonati con deficit nello sviluppo.
Le informazioni raccolte dal PHRI dal ministero della Salute di Gaza hanno dimostrato che il budget mensile regolare era stato di 4 milioni di dollari, che è sceso a 2,3 milioni in aprile e a soli 500 mila in maggio – influenzando le operazioni di routine dei 13 ospedali governativi e dei 54 centri di assistenza primaria.

Secondo il PHRI, un terzo dei medicinali essenziali e più di 270 articoli di apparecchiature mediche per sale operatorie e per unità di terapia intensiva non possono più essere ottenute nei magazzini del ministero della salute o negli ospedali di Gaza.
L’ANP è stata oggetto di critiche animate, nelle ultime settimane, da parte di altri Palestinesi, della comunità internazionale e persino dal ministro della Difesa israeliano Avigdor Lieberman, per aver spinto Gaza in una crisi umanitaria.
Tali politiche si sono esacerbate questo mese quando l’ANP ha deciso di ridurre i finanziamenti per il combustibile israeliano all’enclave costiera chiedendo alle autorità israeliane di ridurre notevolmente la fornitura di elettricità a Gaza, che già annaspa per mancanza di un accesso adeguato all’elettricità e al combustibile.

L’ANP ha provocato rabbia a Gaza, in aprile, quando ha ridotto i salari dei propri dipendenti gazawi di almeno il 30 per cento, mentre decideva anche di interrompere i pagamenti a circa 277 ex prigionieri politici. Sembra che tale mossa voglia colpire ex prigionieri di Gaza e chi appartiene a Hamas in Cisgiordania.

Nonostante l’ANP neghi le accuse, i Palestinesi e i critici internazionali credono veramente che le recenti politiche dell’Autorità Palestinese a Gaza abbiano lo scopo di esercitare pressione su Hamas perché lasci il controllo dell’enclave costiera assediata e consegni il territorio all’ANP.

Altri hanno sottolineato che le politiche dell’ANP abbiano l’obiettivo di far pressione su Hamas affinché abbandoni la sua nuova alleanza con l’ex leader di Fatah, Muhammad Dahlan, che un rapporto trapelato indicherebbe come futuro leader del territorio assediato”.

“La crisi umanitaria a Gaza deve essere una sveglia per tutti quelli che possono risolvere il problema”, ha affermato Ran Goldenstein, direttore esecutivo del PHRI, all’inizio del mese.

“I bambini di Gaza sono diventati ostaggio nel gioco politico svolto dall’Autorità palestinese, Hamas e Israele. Il cambiamento deve essere drammatico e immediato – dare fondi, medicinali e energia elettrica, aprire Gaza al mondo esterno e offrire assistenza umanitaria urgente”, ha aggiunto Goldstein.

Traduzione di Edy Meroli

Mia Immagine

testo