Come funziona LEGO Life, il social network dedicato ai più giovani

Senza categoria

Mia Immagine

LEGO Life

Lanciato a febbraio di quest’anno e finora disoponibile solo in Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia, Danimarca, Austria e Svizzera, LEGO Life è finalmente disponibile anche in Italia. Creato dall’azienda di mattoncini, permette agli utenti di condividere le foto dei propri set, seguire cosa combinano i propri personaggi LEGO preferiti (da Batman ai supereroi Marvel, dalle minifigures della serie Friends a quelle di Ninjago), commentare con emoji personalizzate e faccine rigorosamente in formato LEGO.

Mia Immagine

LEGO Life

Anche gli avatar dei profili sono disegnati come fossero minifigures, e i nomi sono assegnati a caso dalla piattaforma e si possono cambiare finché se ne trova uno che piaccia. Si può essere “Capitan Granchio Morbido” o “Principessa Cupcake Gentile”, ma in nessun caso “Nome Cognome”. Insieme alle foto, è impedita la condivisione di dati personali che possano rendere i minori identificabili o localizzabili.

L’idea è sempre la stessa, e coincide con la nostra missione

Secondo Laura Di Bonavetura, Marketing Director di Lego Life, il social nework è stato pensato per ispirare i bambini, aiutarli a codividere le idee e a stimolarne di nuove. “Lo vogliamo fare nel modo più attuale per le nuove generazioni, ma anche nel modo più corretto: per questo abbiamo un team di moderatori in ogni paese in cui abbiamo lanciato”. Tutto quello che viene condiviso su LEGO Life, infatti, è vagliato prima da un algoritmo — che riconosce le parole e i disegni che violano le policy — e poi da persone dedicate a far da filtro ai contenuti inadatti al pubblico: “Tre quarti del lavoro è fatto dagli umani”.

LEGO Life

Disponibile su iOS e Android, LEGO Life è al momento l’unico social network ufficialmente aperto anche a utenti con età inferiore a 13 anni: per iscrversi, i bambini dovranno fornire l’indirizzo email di un genitore che possa esprimere il consenso.

“Abbiamo studiato le altre piattaforme, ma al di sotto dei 13 anni non c’è niente”, aggiunge Di Bonavenura. “Per questo abbiamo deciso di sviluppare LEGO Life: per aiutare i bimbi a entrare in un mondo che può essere pericoloso, ma anche tanto positivo”.

Una volta dentro, gli elementi sono quelli classici dei social network: c’è l’home page, dove scorrono un mix di contenuti sponsorizzati, suggerimenti per nuove costruzioni e contenuti generati dagli utenti; c’è la possibilità di navigare per hashtag, seguire altri utenti, mettere like e commentare.

LEGO Life

Se è vero che LEGO Life si rivolge soprattutto ai bambini sotto i 13 anni, se sei un po’ più cresciutello ma non hai mai messo via la passione per i mattoncini, sappi che non sei l’unico: sulla piattaforma ci sono anche tanti adulti che non hanno mai perso la voglia di costruire. Molti li trovi nel gruppo Advance Builders.

Una novità introdotta da LEGO sono le sfide“Le sfide portano i bimbi a scoprire cose che non avevano ancora scoperto, a dimostrare di cosa sono capaci, ma soprattutto a mettere giù il telefono e andare a costruire con i mattoncini per poi tornare sulla piattaforma per caricare la foto della loro creazione”.

Laura Di Bonaventura,Marketing Director di LEGO LifeL’altra novità è una tastiera fatta solo ed esclusivamente di emoji e faccine: “Con questo elemento abbiamo reso la piattaforma più internazionale, permettendole non solo di trascendere le geografie, ma anche la capacità di leggere e di scrivere: aiuta gli utenti a creare contenuti e comunicare tra di loro in modo sicuro”. Con l’obiettivo di lanciare la piattaforma in tutto il mondo entro tre anni, il rischio è che la coda di approvazione dei contenuti inizi a diventare molto lunga. A differenza dei classici set LEGO, però, Life è il primo prodotto dell’azienda che continuerà ad evolversi, e maggiore sarà il flusso di contenuti, più grandi saranno i team di moderazione.

Altre novità ancora sono in arrivo: “Quando ideiamo un prodotto, siamo molto bravi a confezionarlo,a scegliere i componenti giusti e a chiuderlo nella sua scatola. Life, invece, non sarà mai chiuso: se lo guardi tra una settimana, ci saranno già alcune novità. È un prodotto che continuerà a migliorare e a crescere, con funzionalità sempre diverse”.

The post Come funziona LEGO Life, il social network dedicato ai più giovani appeared first on Wired.

Mia Immagine

testo