CACCIA AL TESORO – Parlano Vanzina, Salemme, Tortora

Senza categoria

Mia Immagine

Si stanno girando a Torino le riprese del nuovo film di Carlo ed Enrico Vanzina, "Caccia al Tesoro", in uscita a novembre 2017 con Medusa e interpretato da Vincenzo Salemme, Carlo Buccirosso, Max Tortora, Christiane Filangieri, Serena Rossi e il piccolo Gennaro Guazzo ("Un bambino incredibile, spiega Enrico Vanzina, "preparatissimo, con una grande consapevolezza, è sempre accanto a mio fratello Carlo perché vuole fare il regista, e ha solo 12 anni!").

Una commedia degli equivoci che si sviluppa come road-movie lungo l’Italia e la Costa Azzurra. "È un nostro omaggio alla napoletanità e alla commedia all'italiana", hanno spiegato Carlo ed Enrico Vanzina. "I rimandi diretti sono quelli a film come Operazione San Gennaro e La Banda degli Onesti. Il cast del film è composto da nostre vecchie conoscenze, a cui si aggiunge un'altra amica, Chstiane Filangieri, e quella che per noi è una vera scoperta, Serena Rossi, che ci fa pensare addirittura alla Loren… Siamo affezionati a Torino, nostro nonno dopo aver fatto fortuna negli USA ha vissuto qualche tempo ad Arona, nostro padre Steno è stato concepito lì e siamo certi che la sua visione del mondo e del cinema – per quanto fondamentalmente "romana" – sia stata sicuramente influenzata da una sorta di piemontesità".

Mia Immagine

Vincenzo Salemme non è nuovo né a Torino né ai Vanzina. "È sempre un piacere lavorare qui e con loro, tra l'altro il mio personaggio l'ho amato da subito, è un chiaro richiamo all'eleganza di Nino Manfredi in Operazione San Gennaro. Nel cast c'è un'atmosfera ottima, a volte Carlo ed Enrico devono richiamarci all'ordine perchè ci divertiamo troppo! Il film non è un cinepanettone, è una commedia con molte parti sentimentali. Sono sempre stato dell'idea che un film, anche per far ridere, debba avere della sostanza, se no non si ride".

Grandi lodi da parte dei Vanzina anche per Max Tortora: "È una delle persone più spiritose che conosco", ha confidato Enrico. "Vive nel mito del grande cinema italiano, di Alberto Sordi in primis (Tortora non ha perso l'occasione per omaggiare i presenti con una piccola imitazione, NdR). È sensazionale".

"Un'esperienza incredibile, lavorare con Carlo ed Enrico, ma anche con Vincenzo e gli altri: sto imparando moltissimo! Mi è piaciuto molto di questo ruolo poter mescolare la mia romanità alla napoletanità del tutto, quello che ne sta venendo fuori mi piace tantissimo", rivela Tortora.

“Siamo molto felici di sostenere questo progetto e ospitare una produzione di grande fama ed esperienza in grado di garantire una notevole visibilità alla nostra Città – ha commentato Paolo Damilano, Presidente di Film Commission Torino Piemonte -. Nel corso di questa settimana il film ha toccato alcune location simbolo di Torino, dal Parco del Valentino a Piazza Palazzo di Città, fino al Caffè San Carlo, e ha impiegato circa 15 professionisti locali”.

Il lungometraggio – scritto da Enrico e Carlo Vanzina – è una produzione Medusa Film realizzata da Video 80 che sarà distribuito in sala da novembre, sempre da Medusa Film.

Mia Immagine

testo