10 ragioni per (ri)leggere Maus

Senza categoria

Mia Immagine

Tra il 1980 e il 1991 fu pubblicato negli Stati Uniti un fumetto destinato a cambiare il modo di raccontare la realtà attraverso le vignette: Maus di Art Spiegelman, un racconto autobiografico incentrato sul rapporto tra l’autore e il padre, un ebreo polacco scampato all’Olocausto ed emigrato in America. Il racconto alterna sapientemente passato e presente, mostrando le reali e drammatiche vicende vissute dal giovane Vladek Spiegelman negli anni del nazismo e come queste abbiano influito sulla sua vita successiva (e sul rapporto con il figlio Art) negli Stati Uniti. La narrazione è caratterizzata da una potente metafora: gli ebrei sono raffigurati come topi antropomorfi, i tedeschi come gatti, i polacchi come maiali, i francesi come conigli e così via.

Nel 1992, l’opera di Spiegelman è stata la prima graphic novel in assoluto a ricevere un premio Pulitzer in una nuova categoria, segnando di fatto la consacrazione del fumetto come genere dotato di una propria dignità.

Mia Immagine

Art Spiegelman è stato ed è una delle voci più autorevoli nel mondo dei fumetti, un’arte cui ricorre non per distrarci dal mondo in cui viviamo ma per esporne piuttosto gli aspetti più crudi e indigesti, così come ha fatto nel successivo volume L’ombra delle torri, testimonianza sull’11 settembre, e nei suoi interventi su pubblicazioni americane quali il New York Times.

A chi non avesse ancora letto Maus, l’estate potrebbe offrire l’occasione ideale per rimediare. E se vi occorre un po’ di incoraggiamento, nella gallery trovate 10 buone ragioni per (ri)leggere uno dei migliori fumetti di sempre.

The post 10 ragioni per (ri)leggere Maus appeared first on Wired.

Mia Immagine

testo