Toscana Bianco IGT Bugia – Bibi Graetz

Senza categoria

Mia Immagine

11

Da antiche vigne, di oltre 80 anni di età, coltivate sulle terrazze rocciose e assolate dell’Isola del Giglio, nasce un grande vino bianco, caldo, intenso e mediterraneo. Prodotto con Ansonica in purezza, il Toscana Bianco IGT Bugia è un vino che porta nel calice i colori e i profumi di una giornata di mare. Le sue note di frutta matura, la sua ricchezza gustativa, i suoi sentori salini e freschi sono un vero viaggio sensoriale, che come accade solo ai grandi vini, va ben oltre la degustazione per sconfinare nell’assoluto. Una vera opera d’arte in bottiglia, firmata dal purissimo talento di vigneron di Bibi Graetz.

Mia Immagine

Ci sono vini capaci non solo di esprimere un territorio, ma anche di raccontare la personalità di chi li produce, la ricerca e la filosofia che sta alla base di quel vino. E’ questa la sensazione che si prova degustando le etichette di Bibi Graetz. Un calice che diventa un’emozione artistica, un’esperienza unica, che fonde magistralmente storia, cultura e luoghi. Non è un caso che Bibi Graetz sia un pittore, che da molti anni ha deciso dedicare il suo talento artistico anche alla produzione del vino, con la stessa passione, sapere e visionaria fantasia con cui dipinge un quadro. Nei suoi vini c’è la continua ricerca di quella qualità, unicità e perfezione, tipica dell’arte. Un’armonia e una fusione tra uomo, natura, tradizione, che è sempre interpretata con spirito personale, originale e inimitabile.

La tenuta di Bibi Greatz è situata sulle colline di Fiesole e sulle isole dell’arcipelago toscano. L’attenzione per la qualità di Bibi Graetz, nasce fin dall’accurata scelta delle vigne con cui produrre i suoi splendidi vini. La sua storia nel mondo del vino, ha inizio con soli due ettari di un vecchio vigneto situato nella tenuta di famiglia del Castello di Vincigliata, a pochi chilometri da Firenze. Graetz ha cominciato così a produrre le prime bottiglie di Testamatta nel 2000. Si trattava di un blend delle uve storicamente presenti in Toscana e spesso coltivate insieme nelle vecchie vigne: sangiovese, colorino, canaiolo, malvasia nera e moscato nero. Grande appassionato del recupero di antichi vigneti, Graetz comincia a cercare nei dintorni di Fiesole altre vigne per ampliare la sua attività.  Oggi la sua azienda coltiva circa 50 ettari di vigneti, tutti di oltre sessant’anni, tra Vincigliata, Fiesole, Pontassieve, San Casciano, Rufina, Bagno a Ripoli, Lamole, Montefili, Panzano, Siena, Isola del giglio e Isola d’Elba. La scelta di sole vecchie vigne del territorio toscano, denota il desiderio di lavorare in continuità con la storia della viticoltura della regione, con un recupero di quel saper fare vino artigianale di un tempo, nel massimo rispetto della natura. Nonostante il progressivo ingrandirsi della tenuta, è rimasta intatta la grande passione di autentico vigneron. L’estrema cura nella scelta e nella conduzione dei vigneti, le basse rese, la selezione solo delle migliori uve, il lavoro artigianale di vinificazione, con una dedizione che ricorda la sua formazione artistica. L’idea di base è fare di ogni vino un piccolo capolavoro, unico e inimitabile, che rispecchi fedelmente la personalità del produttore. Bibi Graetz segue in prima persona tutti i lavori in vigna e tutti i processi in cantina, applicando il suo talento artistico alla produzione dei vini. Talento che si manifesta anche nelle originali etichette, da lui appositamente dipinte, perfetto connubio tra la sua dimensione d’artista e la sua attività di vignaiolo. Ogni bottiglia di Bibi Graetz esprime un’emozione legata al territorio e al suo sapiente intuito di interpretarlo con stile e originalità.

bugia-igt-toscana-bianco-2014

E’ prodotto con il vitigno ansonica in purezza, nell’isola del Giglio, incantevole scoglio roccioso dell’arcipelago toscano. Gli antichi vigneti, con un’età media di circa 80 anni, sono coltivati su ripidi terrazzamenti a strapiombo sul mare. Una viticoltura antica ed eroica, che già era presente sull’isola ai tempi degli antichi Romani. I terreni sono ricchi di scheletro e sono costituiti da sabbia granitica e rocce di granito. Dopo la vendemmia manuale, le uve sono avviate alla fermentazione, che avviene parte in vasche d’acciaio e parte in barriques. Il vino matura per un periodo di circa 10 mesi,  per un 5% in barriques e per il restante 95% in acciaio. E’ un vino intenso, mediterraneo. Il bouquet esprime profumi e aromi di frutta gialla matura e sentori iodati. Il sorso è ricco, polposo, complesso, sorretto da una piacevole vena acida e da una bella sapidità finale.

COMPRA ORA SU VINODALPRODUTTORE.IT!

Mia Immagine

testo