Morbillo, un’altra vittima

Senza categoria

Mia Immagine

ROMA/MORTA UNA BAMBINA DI NOVE ANNI: NON ERA STATA VACCINATA 
ROMA. Di morbillo, malattia ancora purtroppo sottovalutata, si continua a morire: lo scorso aprile, ma la notizia è stata confermata solo ora, una bambina di 9 anni è deceduta a Roma per le conseguenze di questa patologia. Era già affetta da una sindrome genetica, ma se fosse stata vaccinata probabilmente si sarebbe salvata. E’ il secondo caso in due mesi: pochi giorni fa è infatti deceduto a Monza un bimbo leucemico, anche lui non era vaccinato. Sempre ieri, si registrava pure un altro “primato”: dopo 30 anni, si conferma in Italia il primo caso di tetano tra bambini, malattia considerata ormai debellata proprio grazie alla vaccinazione. Si tratta di un bimbo di 10 anni, in vacanza in Sardegna con la famiglia, ricoverato per tetano all’ospedale San Martino di Oristano. Il piccolo, che non corre pericolo di vita, non era stato vaccinato: dopo una caduta dalla bici, che gli aveva procurato una ferita da taglio, era stata proposta ai genitori la terapia antitetanica, come da prassi. Proposta che sarebbe stata rifiutata. Un atteggiamento, questo, definito una “follia completamente ingiustificata” dal presidente dell’Istituto superiore di sanità (Iss) Walter Ricciardi. Nel caso della bambina deceduta ad aprile, la patologia genetica da cui era affetta era compatibile con la vaccinazione anti-morbillo, che le avrebbe probabilmente salvato la vita: è morta per insufficienza respiratoria e di altri organi, conseguenza appunto dell’infezione da morbillo. Lo conferma Ricciardi: “Avrebbe potuto essere vaccinata e avrebbe potuto salvarsi. Per questa bambina la vaccinazione era anzi molto più utile, e questo perché i bambini a rischio per particolari patologie sono quelli per i quali l’immunizzazione è maggiormente indicata”. Fondamentale, avverte, “è dunque un richiamo a tutti i medici perché vaccinino i bambini a rischio. Ci sono patologie in presenza delle quali le vaccinazioni non sono possibili in quanto il sistema immunitario è compromesso, ma in altre patologie, come quelle genetiche – rileva – vaccinare è ancora più importante”.
La situazione, secondo il presidente Iss, resta grave: “Siamo in una condizione di epidemia per il morbillo. In generale, si registra in media un caso di morte a causa del morbillo ogni 3000, ma siamo già a due decessi in pochi mesi, entrambi in bimbi fragili con patologie”. Anche Alberto Villani, primario di Pediatria all’ospedale Bambino Gesù di Roma e presidente della Società italiana di Pediatria (Sip), sottolinea che sono “rarissimi i casi di bambini con patologie che rendono incompatibili le vaccinazioni. Al contrario, è proprio per i bambini fragili che le immunizzazioni risultano essere più importanti poiché per loro – avverte – il rischio di ammalarsi è di 5 volte maggiore”.
Solo al Bambino Gesù, dal primo gennaio 2017 a oggi si sono registrati oltre 70 ricoveri per morbillo, mentre sono oltre tremila i casi in Italia dall’inizio dell’anno. 

Mia Immagine

Mia Immagine

testo