ISCHIA FILM FESTIVAL 15 – Al giro di boa con Maccio Capatonda, Andrea Sartoretti e Francesco Amato

Senza categoria

Mia Immagine

La quindicesima edizione dell’Ischia Film Festival supera il giro di boa mietendo consensi da pubblico e stampa. John Turturro, IQOS Innovation Award di quest’anno, si congeda dall’isola dopo quattro giorni generosissimi. Raccoglie il testimone Claudia Cardinale, che domani sera, 29 giugno presenterà Il prefetto di ferro nell’ambito dell’omaggio a Pasquale Squitieri.

Maccio Capatonda ha annunciato durante la presentazione di "Omicidio all’italiana" che il suo prossimo progetto sarà proprio una serie televisiva. “Sarà una serie comica con il tipico formato da 24 minuti, probabilmente otto puntate. La sto scrivendo e spero possa andare in onda la prossima primavera”. Sul palco con lui l’inseparabile sodale Herbert Ballerina, che ha confermato la sua presenza nella serie (“Non è riuscito a cacciarmi”) e Roberta Mattei, speranzosa. “Se tutto va bene, il mio prossimo progetto sarà l’esordio alla regia di Giorgio Tirabassi”.

Mia Immagine

La giornata di grandi annunci all’Ischia Film Festival si completa prima con Andrea Sartoretti, protagonista di "Monte" di Amir Naderi, che ha rivelato che tra poco la banda di Boris si riunirà. “Tornerò sul set tra poco, sempre diretto da Torre, Vendruscolo e Ciarrapico, ma non sarà una nuova stagione di Boris. Si tratta di qualcosa di completamente diverso. Per ora giriamo una puntata pilota, poi si vedrà”.

E poi con Francesco Amato, il regista del fortunato "Lasciati Andare", che durante l’incontro con il pubblico ha rivelato il suo prossimo, sorprendente progetto. “Sto preparando un documentario su Umberto Bossi. È un’idea che ho nel cassetto da molti anni e finalmente è arrivato il momento di realizzarla. Sarà un film molto particolare che racconterà l’epopea di questa figura emblematica della politica italiana”.

Mia Immagine

testo