San Giovanni e Santa Reparata: entrambi patrono di Firenze.

Senza categoria

Mia Immagine

Mentre nella Firenze romana il patrono della città si identificava nel dio Marte, dio della guerra, col passare del tempo e con l’aumentata prosperità sia agricola che commerciale arrivarono dall’oriente nuove figure legate alle predicazioni del Vangelo.
Una di queste fu, ad esempio, il primo martire cristiano della città e cioè San Miniato dal nome orientale e dal quale nacque l’omonima Basilica sul “Mons Florentinus”, luogo nel quale si dice che sia stato sepolto.

Mia Immagine

La data della cristianizzazione di Firenze si fa risalire successivamente, al 313 d.C., anno dell’Editto con cui Costantino liberalizza il culto di Cristo in tutto l’Impero Romano.
Ma il culto di San Giovanni come patrono della città di Firenze lo dobbiamo all’arrivo dei Longobardi nel VI secolo e soprattutto a Teodolinda (Regina d’Italia  dal 589-616, che favorì l’evangelizzazione del suo popolo) che fece erigere a Monza la Basilica di San Giovanni.

Dall’XI sec. poi Firenze confermò la scelta del patrono ed iniziò a festeggiare nel giorno 24 giugno di ogni anno, proprio la figura di San Giovanni, che piacque per la sua personalità battagliera e per i suoi semplici insegnamenti.

Ed ecco che ancora oggi i festeggiamenti per il patrono, iniziano con la Santa Messa in suffragio dei defunti fiorentini dell’anno e continua con rievocazioni storiche, l’offerta del cero e nel pomeriggio, la finale del “calcio storico fiorentino”, fino alle 22.00, quando prenderà il via lo spettacolo dei fuochi d’artificio, chiamati “i Fochi” di San Giovanni, che rallegrano e terminano la giornata di festa.

Ma la città di Firenze ha anche una compatrona, cioè Santa Reparata che fu martirizzata sotto l’imperatore Decio. A suo nome fu costruita la cripta della chiesa protocristiana, quella che fu il primo duomo di Firenze.

Di quella chiesa non rimase nulla nel momento in cui furono iniziati i lavori del Duomo di Arnolfo. 
Oggi, grazie agli scavi archeologici fatti tra il 1965 e il 1974, si può scendere nella cripta e ammirarne il pavimento a mosaico e alcuni reperti e non dimenticare quindi l’importanza di Reparata come compatrona della città insieme a San Giovanni.

Mia Immagine