Arredamento virtuale e mini-store, cambia lo shopping da Ikea

Senza categoria

Mia Immagine

Se siete tra quelli che, per fare acquisti da Ikea, studiate gli orari più improbabili, magari la sera prima della chiusura di un comunissimo mercoledì, pur di evitare la ressa e le lunghe code alle casse, sono in arrivo buone notizie per voi dalla Svezia. Il colosso dell'arredamento low cost sta mettendo a punto una serie di trasformazioni tecnologiche e digitali che passano per la realtà aumentata e per negozi più piccoli. Lo scopo è quello di andare incontro alle esigenze del cliente, stare al passo con le regole del mercato e tenersi ben stretti parte gli affezionati.

D'altronde, se il gruppo vanta numeri da capogiro il merito è anche del marketing. Solo in Italia, il colosso svedese ha chiuso il 2016 con un aumento di fatturato del +4,5%. "Capiamo benissimo che il mondo sta cambiando e con esso le aspettative dei nostri clienti, e vogliamo continuare a essere attori di primo piano", ha spiegato alla Cnn Michael Valdsgaard, direttore della trasformazione digitale a Ikea. "L'idea è quella di fare più cose possibili e vedere quali funzionano e quali no".

Mia Immagine

Il primo grande cambiamento dovrebbe prendere il via l'anno prossimo quando, attraverso un programma pilota, il colosso svedese inizierà a vendere i suoi prodotti anche attraverso siti terzi. Ma ecco i tre aspetti che rivoluzioneranno davvero lo shopping da Ikea

Realtà aumentata

Dal prossimo autunno prima di acquistare un prodotto si potrà visualizzarlo direttamente in casa propria. Come? Con un'app che sfrutta la realtà aumentata su cui il gruppo svedese sta lavorando insieme ad Apple. In altre parole, il principio è lo stesso utilizzato in "Pokemon go", il gioco per smartphone che dal suo esordio un anno fa è stato scaricato 750 milioni di volte (leggi qui). I clienti potranno caricare fino a 600 prodotti e collocarli virtualmente nella propria casa. "Acquistare una nuova cucina è sempre un importante investimento e vogliamo che i nostri clienti si sentano sicuri prima di farlo. E siamo sicuri che quest'app li aiuterà", ha detto Anders Grafstrom, del team cucine Ikea.

Mini store

In tutto il mondo le grandi 'scatole blu' del colosso svedese sono collocate nelle periferie delle grandi città, proprio per esigenza di spazio espositivo. "Ma per molti clienti, il negozio più vicino è davvero lontano, così stiamo sviluppando un nuovo modello di punto vendita", ha spiegato un portavoce del gruppo. In realtà, la trasformazione è già in corso, tanto che dal 2015 sono spuntati piccoli negozi (grandi circa un decimo di quello tradizionale), in 44 città del mondo compresa Roma. A luglio del 2016, in zona Collatina, è stato inaugurato il primo Pick up and Order Point per facilitare i clienti durante la fase dell'acquisto, riducendo anche i tempi attraverso un'integrazione tra canale fisico e virtuale. Lo spazio offre un assortimento meno vasto (89 complementi di arredo) ma con 700 metri quadri sono destinati al ritiro e all'ordine dei prodotti. 

Pop-up shop

Provare un prodotto con le proprie mani (e palato) prima di acquistarlo: questa l'idea alla base dei Pop-up shop, i nuovi, piccoli, negozi che stanno spuntando nei centri delle città. A Roma, ad esempio, un Pop-up shop ha aperto i battenti a fine aprile a piazza San Silvestro con un'esposizione interamente dedicata all'ambiente cucina  . Alcuni di questi negozi, poi, offrono una vera e propria esperienza sensoriale, incoraggiando i clienti a cucinare qualcosa per gli amici o a scegliere trapunte e  copri piumini con una ricca colazione a letto. 

Leggi anche: Ikea in missione su Marte per studiare i mobili del futuro

Mia Immagine

testo