Che stress, lo stress!

Senza categoria

Mia Immagine

Qualcuno lo ha definito il disturbo dei tempi moderni, per altri si tratta solo di una fase di tensione nervosa. Quel che appare certo è che lo stress – per quanto gli esperti lo identificano in buono (eustress) e cattivo (distress) – colpisce sempre più persone.

La frenesia della quotidiana esistenza, che si compone di tempi sempre più stretti dove il prendersi un momento di pausa è cosa improba se non addirittura impossibile, è una componente fondamentale dell’origine dello stress cattivo che può anche provocare degli scompensi emotivi e – nei casi più gravi – dei problemi fisici. Soprattutto per chi vive nelle grandi città dove tutto è convulsamente elevato all’ennesima potenza, può rimanere coinvolto da uno stress che amplifica le sensazioni in modo negativo.

Mia Immagine

Per coloro che vivono in Piemonte, affidarsi ad un serio professionista è auspicabile e sul sito parisipsicologatorino.com si possono leggere delle informazioni più che utili a tal fine. Molti sono gli psicologi a Torino abituati a confrontarsi con pazienti che lamentano degli stress cronici che provocano reazioni differenti tra individui.

Apprendere per affrontare il problema

E’ sempre un professionista iscritto all’albo degli psicologi a Torino l’unico in grado di darci un sostanziale aiuto per affrontare lo stress con il fine di eliminarlo. Importante è apprendere il modo migliore per resettare la tensione nervosa prima che questa, sviluppandosi costantemente, possa trasformarsi in una forma di esaurimento nervoso con tutte le ovvie conseguenze.

Occorre partire dal presupposto che ogni individuo accusa lo stress in modo soggettivo dove i coefficienti non possono che essere personali ed univoci. La fase di stress è composta da tre fasi ben definite che sono; l’allarme, la resistenza, l’esaurimento.

La prima fase, ossia quella relativa all’allarme, si manifesta attraverso delle manifestazioni sia fisiologiche che psicologiche che cercano di essere una protezione contro l’insorgenza di un malessere.

E’ la fase più dolorosa perché il sistema neurovegetativo perde i suoi riferimenti e lascia subentrare un’ansia dalla quale è originato l’aumento del battito cardiaco e del respiro che possono precedere anche un vero e proprio attacco di panico. E’ in questo momento che si apre la fase di resistenza attivata automaticamente dal proprio organismo che cerca di contrastare (o di abituarsi) a questo attacco di stress e, laddove non riesca a superarlo avvia la fase detta dell’esaurimento che è la più pericolosa perché l’organismo non riesce a difendersi e una situazione del genere continuativa nel tempo potrebbe favorire disturbi psichici più serie.

Uno specialista per amico

Scegliere un medico appartenente agli psicologi di Torino si rivela l’unica forma razionale per curare, attraverso delle terapie ad personam, le cause originarie dello stress. Con competenza ed esperienze pregresse lo specialista può analizzare il problema e proporre delle soluzioni innanzitutto tendenti a controllare lo stress per evitarne le spiacevoli conseguenze a latere e, successivamente, per rimuoverne le cause al fine di eliminare il rischio di frequenti ricadute. Lo specialista deve essere considerato come un amico pronto a darci una mano e deve godere di tutta la nostra fiducia affinché il suo intervento sia rapido e, soprattutto, efficace.

Mia Immagine