Mare Aperto 2017: dalle mine alla mappatura dei fondali

Senza categoria

testo

Doppia attività quella svolta dalla Marina Militare nei giorni scorsi nel Golfo di Cagliari: garantire la sicurezza della navigazione e dei pescatori, con la ricerca degli ordigni bellici inesplosi, ed effettuare la mappatura dei fondali, con analisi delle acque e di quanto si trova in fondo al mare. Sono otto le mine individuate dalla Marina nel corso dell’esercitazione interforze Mare Aperto 2017. Gli ordigni si trovavano in un’area vicino a Villasimius e vicino a Pula: mediante sofisticate apparecchiature sono state prima individuate, poi analizzate e infine fatte brillare, rendendo sicure le varie aree. “Inizialmente abbiamo individuato delle aree all’interno del Golfo di Cagliari in cui ipotizzavamo la presenza di mine della seconda guerra mondiale – ha sottolineato il contrammiraglio Enrico Pacioni, comandante delle forze di contromisure mine ed idrografiche – proprio in quegli specchi d’acqua abbiamo fatto partire l’esercitazione cacciamine, individuandone otto, abbiamo anche individuato un proiettile dello stesso periodo”.

Ma l’attività non si è fermata. “Abbiamo utilizzato le nostre unita’ idrografiche per fare un lavoro di mappatura dei fondali davanti a Cagliari – ha evidenziato ancora l’alto ufficiale -. L’attività proseguirà durante l’estate con la nave Magnani, l’area interessata sara’ Olbia-Golfo Aranci dove e’ necessario rifare la carta nautica. Durante questa attivita’ saranno scandagliati i fondali marini e potra’ emergere tutto quello che e’ di interesse sia storico che di interesse per la navigazione”.

L’articolo Mare Aperto 2017: dalle mine alla mappatura dei fondali sembra essere il primo su Meteo Web.

testo

testo