Sott. Cesaro “Collaborazioni culturali per rafforzare il legame tra Italia e Bosnia”

Senza categoria

Mia Immagine

Agenpress. “Negli ultimi anni c’è stato un forte rilancio delle relazioni culturali fra Italia e Bosnia Erzegovina, anche grazie anche alle attività di promozione della nostra lingua. In particolare, all’indomani della visita del Ministro Franceschini nel novembre 2015 e con la ratifica di un Accordo bilaterale culturale si è avviata una collaborazione tra il Museo Nazionale bosniaco e le due massime eccellenze italiane nel settore del restauro: l’Istituto Centrale per la Conservazione e il Restauro (ISCR) di Roma e l’Opificio delle Pietre Dure (OPD) di Firenze. In questa ottica ottanta tra restauratori, grafici e operatori culturali sono stati quest’anno ammessi a corsi specialistici organizzati da queste strutture nell’ambito dell’ International Training Project”.

Con queste parole il Sottosegretario ai beni culturali e al turismo, Antimo Cesaro è intervenuto oggi all’inaugurazione della Biennale di Arte Contemporanea di Konjic.

Nell’occasione Cesaro ha anche ricordato il progetto Ars Aevi, una collezione d’arte contemporanea nata nella Sarajevo assediata del 1992 e riaperta al pubblico nel febbraio 2014, grazie all’impegno della nostra Ambasciata e di alcuni sponsor privati.

Mia Immagine

“L’Italia guarda con attenzione ai processi di adesione all’Unione Europea della Bosnia Erzegovina –ha concluso Cesaro- e lo sviluppo di una cooperazione culturale rappresenta in tal senso un viatico necessario e proficuo”.

 

Mia Immagine