Barone: “Il destino del Palermo è già scritto, per la Lazio gara abbordabile”

Senza categoria

Mia Immagine

Simone Barone adesso

Con la maglia rosanero tante soddisfazioni ed un Mondiale conquistato in Germania nel 2006 con la spedizione azzurra: i colori rosa sono indelebili nel cuore di Simone Barone.

Intrapresa la carriera da allenatore appese le scarpette al chiodo, l’ex Torino e Parma si è dilettato dapprima a guidare la Juniores degli emiliani per poi trasferirsi in India ai Dehli Dynamos come vice di Gianluca Zambrotta. Intervistato da “La Lazio siamo noi” l’ex 8 rosanero tesse le lodi dei biancocelesti e del tecnico Inzaghi, dando ormai per spacciato il Palermo anche in ottica salvezza: “La Lazio è una grandissima sorpresa, in primis dal suo allenatore. Inzaghi sta facendo un campionato ottimo, emergente, la squadra lo segue e sta facendo un campionato di prima fascia. con la sconfitta contro il Napoli ha perso speranze per il terzo posto, però bisogna pensare in positivo con la qualificazione in Europa League. Palermo? Il suo destino è scritto e segnato. Anche domenica non è riuscito a vincere una partita che non dava grandi garanzie ma ti poteva dare una certa autostima. È certamente una gara abbordabile per la Lazio, ma il Palermo giocherà per mettersi in mostra in un grande palcoscenico. Inzaghi non può sbagliare, servono i tre punti per la zona Europa. Della Lazio mi piace come sviluppa il gioco, ha cambiato varie volte modulo, ha cercato sempre di avere una propria identità. Mi piace Immobile per come attacca la profondità. Come lo spalleggiano Keita e Felipe. Mi rivedo in Parolo, una mezzala che fa tanti gol è una grande caratteristica. Quest’anno però è l’anno di Milinkovic Savic, è lui la grande sorpresa. Ha dimostrato di essere completo e di poter crescere, è un uomo mercato”.

Mia Immagine

Mia Immagine