TURCHIA. Approvata in parlamento bozza costituzionale che aumenta poteri di Erdogan

Senza categoria

Mia Immagine

Le discussioni e le votazioni parlamentari sulle modifiche ai 18 articoli della costituzione, iniziate lo scorso 9 gennaio, si sono concluse in tarda nottata. Spetterà ora al referendum previsto per fine marzo-metà aprile stabilire se approvare o meno definitivamente gli emendamenti

Il premier Yildirim festeggia il passaggio degli ultimi articoli emendati della costituzione. (Foto: Reuters)

Mia Immagine

della redazione

Roma, 21 gennaio 2017, Nena News – Il parlamento turco ha dato l’ok alla controversa bozza costituzionale che, se approvata ora al referendum, trasformerà il Paese in una repubblica presidenziale. La costituzione emendata, avanzata dal partito di governo Akp, ha ricevuto nella tarda nottata di oggi 339 “sì” superando i 330 voti necessari per l’adozione delle modifiche. Hanno votato 488 parlamentari sui 550 complessivi (i 12 assenti sono i membri del partito di sinistra fino curda dell’Hdp arrestati due mesi fa).

Grande gioia per il passaggio della proposta costituzionale è stata espressa dal premier Binali Yildirim: “Non abbiate alcun dubbio che il popolo certamente farà la scelta migliore per la Turchia. Andrà ai seggi, voterà [sì] con il cuore e con la mente”. La palla passa infatti adesso ai cittadini turchi che saranno chiamati a breve a decidere se approvare o meno la nuova costituzione. Ancora non è stata stabilita la data referendaria: secondo i deputati dell’Akp, la consultazione popolare dovrebbe avvenire tra il 26 marzo e la metà d’aprile.

Se l’esecutivo ostenta sicurezza e sprizza comprensibile gioia, di tutt’altro stato d’animo è l’opposizione. Bulent Tezcan (Chp) ha infatti detto che il parlamento “sta creando un regime con un solo uomo a comando che porterà [la Turchia] dove il suo appetito desidera”. Il leader repubblicano Kemal Kilicdaroglu ha criticato la decisione parlamentare perché “consegna la sua autorità [ad Erdogan]” e “tradisce” la storia del Paese. Ha poi promesso di voler “combattere una battaglia per la democrazia” affinché queste riforme siano respinte al referendum.

Le discussioni e le votazioni in parlamento sulle modifiche ai 18 articoli della costituzione erano iniziate lo scorso 9 gennaio e hanno incluso sessioni terminate in tarda nottata. Le due settimane di dibattito sono state tesissime: in almeno due circostanze i politici degli opposti schieramenti sono venuti alle mani. Significativa è stata poi la protesta della parlamentare Aylin Nazliaka (Hdp) che l’altro giorno, alla ripresa del voto in seconda lettura, si è ammanetta al microfono del podio degli interventi in parlamento per protestare contro la riforma e la detenzione dei 12 membri del suo partito arrestati lo scorso novembre (tra questi, anche i co-presidenti dell’Hdp Selahattin Demirtas and Figen Yuksekdag)

La “maratona” parlamentare, come l’hanno definita molti commentatori locali e internazionali, è emblematica della fretta di Erdogan di piegare la costituzione a suo vantaggio per uscire dalla crisi politica in cui ha portato il Paese. Se approvati, i maggiori poteri richiesti dal capo dello stato – ufficialmente per poter difendere meglio la Turchia dalle “minacce” interne ed esterne – stroncherebbero definitivamente qualunque forma di opposizione al suo regime.

Tra le novità principali, il presidente avrà infatti il potere di incaricare e licenziare i ministri. La carica del premier sarà abolita mentre resterà quella del vice-presidente (o forse più di uno). Il capo dello stato potrà inoltre intervenire direttamente nel sistema giudiziario: un aspetto fondamentale per Erdogan che considera il mondo della magistratura controllato dall’amico diventato “nemico” Fethullah Gulen.

Il religioso, in esilio volontario in Pennsylvania (Usa), è accusato dal leader turco di essere il responsabile del fallito putsch del 15 luglio. Gli emendamenti, inoltre, aumentano i casi in cui il presidente potrà dichiarare lo stato di emergenza (in vigore nel Paese dopo il tentato golpe) e stabiliscono ogni cinque anni una data unica per le elezioni parlamentari e presidenziali. La proposta dell’Akp prevede un aumento dei seggi parlamentari (dai 550 attuali a 600) e abbassa da 25 a 18 anni l’età minima per diventare deputato del parlamento. Nena News

 

Mia Immagine