#WomensMarch:, in early ‘trumpismo’.

Senza categoria

testo

Mancano pochi giorni alla prima contestazione contro #TheDonald che apre ufficialmente la Resistenza contro il peggiore presidente della storia recente degli Stati Uniti, di sicuro il meno popolare tra l’indice di gradimento degli  americani. 


-Le motivazioni della nascita di #WomensMarch


Le donne americane tutte insieme scendono in strada per rivendicare – come si legge in modo chiaro sul loro sito nazionale e locale, ossia delle singole città statunitensi – la difesa per i diritti civili, messi in discussione e in pericolo dall’avvio del ‘trumpismo’ e, allo stesso tempo la rivendicazione, scrivono le donne americane,  dei diritti fondamentali non possono essere calpestati né messi in discussione e, tra questi citano la sicurezza, la salute e la libertà di essere (e restare) diverse, compagne, mogli e ragazze nel paese che, fino a poche settimane fa (pur nelle dolorose differenze e soprusi), credeva che, queste conquiste sociali fossero al riparo per sempre.

Così non è ora che è in arrivo il ‘trumpismo’. 

Le donne lo hanno capito meglio e prima di tutti . Ed è per questa ragione che dunque, le donne statunitensi, marciano su Washington – nel primo giorno della presidenza di #TheDonald – per difendere i diritti civili di tutti : smentendo dunque, anche i tentativi delle ultime ore che le vogliono questo inizio di Resistenza, un appuntamento “solo” per donne bianche. Nulla di più falso ed era già scritto nel sito per spiegare la motivazione della nascita di #WomensMarch : la difesa dei diritti civili “deve” coinvolgere i migranti, i musulmani e, tutti coloro che professano i diversi riti religiosi; dalle minoranze etniche a quelle persone che si identificano come LGBTQIA : perché questo, scrivono le donne in marcia, è il momento e il tempo, in cui tutti devono unirsi nella lotta e nella Resistenza contro #TheDonald. 
C’è bisogno di tutti, ribadiscono le donne e per questa ragione, sono state invitate a unirsi a loro le donne dei Nativi d’America e tutti i cittadini neri perché, il ‘trumpismo’, non farà sconti a nessuno e metterà, secondo le donne in marcia, tutti sotto attacco. Non c’è tempo da perdere affermano e, bisogna iniziare la difesa fin dal primo giorno: il ‘trumpismo’ scrivono sul sito attaccherà in modo drammatico i disabili e tutti coloro che hanno subito il dramma della violenza sessuale visto i comportamenti e lo stile di vita di #TheDonald, “il sessista”.

testo

Una marcia di Resistenza in difesa della democrazia e dei diritti umani, per riaffermare la dignità e la giustizia valori che non possono essere messi né in discussione e, sui quali, le donne in marcia non intendono scendere a compromessi perché, non possono, in nessuna maniera essere cancellati, neanche dal “nuovo caudillo”, Donald Trump. 

-I dettagli dell’evento

Quando : Sabato, 21 gennaio 2017.
Il “Rally” inizia alle 10,00 e termina alle 13,15. Inizieremo la marcia alle 01:15. 

Dove : Il punto di partenza e il raduno sarà l’intersezione di : Independence Avenue e Third Street, Washington DC, nei pressi del Campidoglio.

Chi : La marcia è aperta a tutti coloro che si ritrovano nella difesa (e credono) nei diritti umani, civili e nelle Libertà di tutti gli essere umani.

Il Rally : è un programma organizzato con gli avvocati riconosciuti a livello nazionale e, con i leader di pensiero, gli artisti, gli animatori, imprenditori che hanno voglia di iniziare questa Resistenza contro il ‘trumpismo’ per fermarlo e sconfiggerlo.

Biglietti : Non è un evento che richiede un biglietto (da pagare).

(Fonte.:womansmarch)
Bob Fabiani
Link
-www.womans.march.com    



testo