Berlino, sette giovani migranti fanno una cosa terribile – VIDEO

Senza categoria

Mia Immagine

Ancora migranti nell’occhio del ciclone in Germania, a una settimana dalla strage di Berlino: sette giovanissimi sono stati arrestati per aver dato fuoco a un senzatetto. Le telecamere a circuito chiuso hanno immortalato una gang che dà fuoco alla vittima mentre questa dormiva su una panchina della stazione metropolitana di Berlino. Il senzatetto, che ha 37 anni, è sfuggito solo per il tempestivo intervento di alcuni passanti a una morte atroce. I responsabili dell’atroce agguato sono tutti giovanissimi tra i 15 e i 21 anni, sei di nazionalità siriana e uno di nazionalità libica. Thomas Neuendorf, il vice capo dell’ufficio stampa della polizia di Berlino, ha spiegato che in particolare viene accusato un 21enne.

L’aggressione, che ha sconvolto l’opinione pubblica tedesca, già turbata da altri episodi gravissimi che coinvolgono migranti, come ad esempio lo stupro di gruppo avvenuto a Colonia,  avvenuto quasi un anno, si è verificata a pochi metri da un altro episodio di violenza. Qualche settimana fa, infatti, sempre nella metro di Berlino, un delinquente prese a calci una donna nella parte posteriore, facendola volare otto passi verso il basso su una rampa di scale e finire con il viso per terra. Nei giorni successivi, l’aggressore è stato individuato, anche perché per far luce su quanto accaduto si era mosso anche Kuehr, bodyguard di Lady Gaga, che ha offerto una ricompensa di 1.677 sterline (poco più di 2.000 euro).

Mia Immagine

Si trattava di un cittadino bulgaro Svetoslav Stoykov, da Varna, che si dice fosse fuggito in Francia. Il giovane, padre di un bimbo di tre anni, a quanto pare aveva pensato che fosse al sicuro tornando nella capitale tedesca dopo essere stato in clandestinità. Le telecamere a circuito chiuso mostravano la giovane donna che camminava all’interno della stazione della metropolitana di Berlino, quando uno sconosciuto si avvicinava alle sue spalle, con una birra in una mano e una sigaretta nell’altra. Il bulgaro si trovava insieme a tre amici.

 

Fonte

Mia Immagine