La Cassazione boccia il collare elettrico, ma la legge è ambigua

Senza categoria

Mia Immagine

collare elettrico IIIGEAPRESS – Collare elettrico che non può essere utilizzato. La vendita, però, non è vietata.

Questa l’incongruenza che fa dire alla Lega Nazionale per la Difesa del Cane, che la legge è quantomeno ambigua.

Mia Immagine

Come è noto l’Alta Corte ha confermato la condanna per violazione dell’art. 727 del Codice Penale emessa dal Tribunale di Trento nei confronti del proprietario di un cane da caccia. “E’ un segnale necessario – commenta Piera Rosati, presidente della Lega Nazionale per la Difesa del Cane – La legge, però, deve bandire dal commercio e dalla vendita gli strumenti che vengono chiaramente acquistati non come soprammobili ma come strumento che infligge inutili dolori con scosse elettriche che colpiscono il cane fisicamente”. Possibili danni che potrebbero altresì incidere anche sulla sfera psichica.

Secondo la Lega Difesa del Cane è giunta l’ora di spiegare ai cacciatori, che sono i principali fruitori di questo metodo violento di addestramento, che da decenni esistono metodi di maggiore efficacia nel rispetto del benessere dell’animale, metodi dolci, che agiscono sulla sfera della relazione. “L’obbedienza – ha spiegato la presidente della Lega Difesa del Cane – si costruisce attraverso un lavoro lungo e costante, di educazione rispettosa, fatta di rinforzi positivi, senza scorciatoie violente che non portano neppure all’apprendimento del comando. Considerare il collare elettrico strumento educativo per estinguere un comportamento non desiderato del cane, è come credere nella stregoneria”.

Parliamoci chiaro – continua Rosati – il collare elettrico non è l’unico strumento per condizionare con una punizione umana il cane. E’ tempo che il legislatore metta al bando anche il collare a strozzo, che tiene perennemente in coercizione il cane. Il cane smette di provare dolore solo se obbedisce! Non è educazione. Eppure il collare a strozzo è ancora consigliato da alcune scuole di educazione cinofila e considerato il toccasana per “far vedere al cane chi comanda”, peraltro in una zona altamente sensibile per il cane, sia sotto il profilo della comunicazione sociale, ignorata da chi crede di “educare”, sia sotto il profilo fisiologico. Lo stesso vale per il cane a catena, catena che le leggi regionali ancora prevedono come tollerabile. Come nel collare a strozzo, la catena impone al cane di ridurre il proprio spazio d’azione smettendo di provare dolore solo se sta fermo. E’ davvero tempo che l’etologia diventi, come già avvenuto negli scorsi anni, la linea guida di civiltà per tutelare il benessere animale”.

CLICCA QUI per ricevere la NEWSLETTER di GEAPRESS

© Copyright GeaPress – Tutti i diritti riservati

 

Mia Immagine