Trovano morta la moglie dell’autore dell’attacco nel nord della California

Le autorità della contea di Tehama hanno dichiarato di aver trovato il corpo sotto le lenzuola del pavimento della loro residenza mercoledì, un giorno dopo le riprese in una zona rurale che si è conclusa in una scuola. L’aggressore aveva un ordine restrittivo che gli proibiva di portare armi.

LOS ANGELES, California Assistente Tehama sceriffo della contea di Phil Johnston, ha detto Mercoledì che trovato morto nella sua casa per la moglie dell’autore di riprese in una comunità rurale nel nord della California che si è conclusa in una scuola elementare e se ne va già sei morti e almeno una dozzina di feriti.

Il corpo della donna è stato trovato sotto le lamine del pavimento della residenza. “Ha fatto un buco nel pavimento e ha letteralmente messo il suo corpo nel buco” , ha detto l’agente in una conferenza stampa.

“Pensiamo che sia quello che ha dato inizio a questo intero evento (le riprese)”, ha detto Johnston e ha spiegato che prima di trovarlo cercavano il partner dell’attaccante proprio per il sospetto che potesse accadere qualcosa anche a lui. “Stavamo cercando sua moglie e non abbiamo potuto trovarla ieri.”

Apparentemente l’autore dell’omicidio, identificato come Kevin Neal, 44 anni, ha iniziato le riprese martedì dopo aver assassinato con numerosi colpi la moglie e nascondendo il suo corpo sotto il pavimento. Tuttavia, la polizia crede che Neal possa aver ucciso sua moglie da lunedì.

Le autorità hanno anche precisato che l’aggressore era su cauzione per essere stato accusato di pugnalare un vicino di casa a gennaio, era stato segnalato più volte dai suoi vicini per aver sparato centinaia di proiettili e accusato di violenza domestica il giorno prima dell’uccisione .

Nonostante questo background, Neal è stato in grado di utilizzare un fucile semiautomatico e due pistole martedì per ferire circa 15 persone, cinque delle quali morte, in sette diversi luoghi della sua comunità, compresa la scuola primaria, prima di cadere in uno scontro con agenti di polizia.

Secondo l’AP, i documenti del tribunale dimostrano che a quest’uomo era proibito avere armi come parte dell’ordine di restrizione per l’incidente per cui era in libertà vigilata. I documenti del tribunale mostrano che Neal è stato accusato di aver sparato illegalmente su un’arma e il possesso illegale di un fucile il 31 gennaio.

Questo mercoledì ci sono molte domande sul perché fosse libero e in grado di uccidere cinque persone, tra cui sua moglie e due vicini di casa, prima di andare a cercare le vittime a caso.

La guerra con i suoi vicini

La sua furia è iniziata nel complesso residenziale in cui viveva, dove ha assassinato almeno due vicini, che non sono stati ancora identificati. Poi, ha rubato un pick-up in cui ha preso la sua strada e, secondo i testimoni, stava sparando senza un obiettivo specifico. A un certo punto si è schiantato e ha rubato un’altra macchina in cui ha continuato il suo attacco, che si è concluso alla scuola elementare, dove non è riuscito ad entrare ed è stato infine sparato dalla polizia.

Secondo le autorità, durante il tragitto da un luogo all’altro, l’aggressore ha sparato indiscriminatamente contro case e macchine, compresa una madre che le è passata accanto in un’auto in cui suo figlio trasportava.

La madre di Neal ha detto che suo figlio l’aveva chiamata un giorno fa per dirle: “Ora è tutto finito, ho fatto tutto il possibile e sto combattendo contro tutti quelli che vivono in questa zona”. Ha detto che suo figlio era frustrato dalle dispute con i suoi vicini e che aveva spiegato di essere “sull’orlo del precipizio”.

Anne, come la donna identificata, ha detto che a gennaio ha dovuto pagare la cauzione dopo che suo figlio è stato accusato di aver pugnalato uno dei suoi vicini. Ha assicurato all’agenzia AP che suo figlio gli aveva detto che i suoi vicini avevano un laboratorio di metamfetamina e che il fumo che produceva stava danneggiando i suoi nove cani.

Sebbene gli investigatori non abbiano ancora determinato la motivazione dell’attentatore a commettere questo massacro nella sua comunità, indicano che ci sono molti indizi che potrebbero essere collegati a quella guerra che ha avuto con i suoi vicini.

“La cosa più pazza è che il vicino (Neal) ha sparato molti proiettili ultimamente, centinaia di colpi”, ha detto Brian Flint ai media locali. “Avevamo avvertito che questo tizio era pazzo e che ci stava minacciando”, avvertì colui che perse il suo compagno di stanza in questo massacro.

“Sento che ci dovrebbe essere stato più impegno nel cercare di risolvere cose come questa”, ha lamentato Flint quando ha detto che si trattava di un problema che era in corso da un po ‘di tempo.

Questa denuncia è stata sostenuta da altri residenti della zona che, dopo le riprese, hanno affermato che spesso l’aggressore ha sentito sparare armi e che anche in molte di queste occasioni hanno chiamato la polizia.

Il vice sceriffo di Tehama ha detto che le autorità erano spesso a casa dell’attaccante per le segnalazioni di spari, ma non l’hanno mai visto con le armi. Dopo il massacro del martedì, hanno scoperto che Neal aveva due armi semi-automatiche fatte in casa e due pistole registrate sotto il nome di un’altra persona.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *